Sanificazione ad ozono

La tecnologia basata sull’uso di Ozono (O3) è una delle tre soluzioni che noi di GMT G7 ti proponiamo per la sanificazione e la disinfezione dei tuoi ambienti. Le altre tecnologie che mettiamo a tua disposizione sfruttano le proprietà del biossido di titanio (TiO2) oppure quelle del perossido di idrogeno (H2O2).

Nell’aria e nell’acqua, così come su tutte le superfici, sono presenti numerosi elementi invisibili che sono potenzialmente dannosi per l’ambiente e per l’uomo.

Ambienti non sanificati non solo aumentano il rischio di contrarre malattie infettive, allergie e problemi respiratori, ma anche una contaminazione di prodotti, proprio perché questi elementi patogeni trovano le condizioni ideali per riprodursi e proliferare.

Per evitare tutti gli inconvenienti legati ad ambienti poco salubri, la soluzione più efficace è quella di prevedere piani di sanificazione che riportino scadenze e ricorrenze in cui rieseguire la disinfezione degli ambienti.

Tra i luoghi in cui è fortemente consigliata la sanificazione troviamo aziende, fabbriche, stabilimenti produttivi, locali e mezzi pubblici, strutture sanitarie, scolastiche e alberghiere, condomini e abitazioni.

Tra le soluzioni presenti sul mercato per la sanificazione, quelle che sfruttano le innumerevoli proprietà dell’Ozono vengono riconosciute dal Ministero della Sanità.

Se ti stai chiedendo perché dovresti scegliere questa tecnologia, cos’è e come funziona la sanificazione ad Ozono, quali sono i benefici che ne derivano e i suoi campi di applicazione, questo è l’articolo che fa per te e continuando a leggerlo avrai le risposte alle tue domande.

Cos’è l’ozono e quali sono i suoi effetti su persone e ambiente

Prima di spiegarti come funziona la sanificazione, vediamo velocemente cos’è e quali sono i principali effetti che questo elemento ha sull’uomo e sull’ambiente.

L’ozono, la cui formula chimica corrisponde a O3, è una forma allotropica dell’ossigeno, un gas che si produce dall’attivazione dell’ossigeno (O2). Per avere una molecola di questa sostanza sono quindi necessari 3 atomi di ossigeno.

In natura è presente nell’ozonosfera e in alcuni strati più bassi a causa dello smog prodotto da automobili, fabbriche, dalla produzione di energia, del calore per i processi produttivi e per il riscaldamento.

Due delle maggiori preoccupazioni associate a questo elemento e, quindi, quando si parla di sanificazione, sono legate ai danni che causa all’uomo e all’ambiente, dovuti alle sue capacità di ossidare numerosi componenti cellulari, fra i quali amminoacidi, proteine e lipidi.

Tutte le sue applicazioni sono regolamentate dall’OMS (Organismo Mondiale della Salute) che indica come limite più sicuro per la salute umana, il valore 0,05 ppm (50ppb). Se il valore viene superato, l’ozono diventa tossico (ma non cancerogeno) per l’uomo e, in relazione alla concentrazione alla quale si è esposti e alla durata dell’esposizione, può causare infiammazioni e danni più o meno gravi all’apparato respiratorio. Per questo motivo si raccomanda di far uscire persone ed animali dai luoghi da sanificare.

Le concentrazioni utilizzate e permesse per questo tipo di attività consentono di disinfettare, disinfestare, sanificare e deodorare l’ambiente senza arrecare danni all’uomo, perché quando le persone e gli animali rientreranno nei locali dopo la disinfezione la riconversione in ossigeno sarà completata.

Per l’ambiente invece, vengono indicati (anche in questo caso) dei livelli oltre i quali l’ozono è considerato un contaminante secondario (prodotto da attività dell’uomo) in quanto, combinato con altre sostanze inquinanti, contribuisce alla formazione dell’ossido di azoto (NOX).

Come funziona la disinfezione con Ozono

La sanificazione è resa possibile grazie al suo forte potere ossidante e antibatterico.

Quando questa molecola viene liberata nell’ambiente (nell’aria o nell’acqua) entra in contatto con altre sostanze e si attiva una reazione di ossidazione con azione virucida, fungicida e battericida. Inibisce e distrugge sostanze come:

Microbi
• Batteri (Gram-negativi e Gram-positivi)
• Virus
• Agenti patogeni e/o inquinanti
• Spore
• Funghi
• Muffe
• Acari, zecche e pidocchi
• Insetti

Ha un’ulteriore azione, quella deodorante. Questa sostanza ossida i batteri responsabili dei cattivi odori e li trasforma in molecole innocue, purificando in questo modo l’aria.

Grazie al suo peso specifico (è più pesante dell’ossigeno), questo elemento riesce a raggiungere superfici difficilmente raggiungibili da altre sostanze e per questo motivo, quando si usa l’ozono, si parla di sanificazione profonda.

Nel momento in cui viene a contatto con una sostanza organica o inorganica l’ozono (O3) si ossida (perde quindi un atomo di ossigeno) e diventa ossigeno puro (O2), non lasciando residui da smaltire o sostanze nocive nell’ambiente o sulle superfici.

Per eseguire questa attività, noi di GMT G7 inseriamo negli ambienti un generatore di ozono che, prendendo l’aria presente nel locale, la trasforma in ozono il quale successivamente, come abbiamo appena visto, una volta liberato e terminata la sua azione, si ritrasforma in ossigeno.

Disinfezione con ozono

I benefici della sanificazione con l'O3

Le numerose proprietà dell’ozono lo rendono un ottimo alleato nella sanificazione degli ambienti. Con una sola applicazione è in grado di purificare l’aria e l’acqua e di disinfettare, sterilizzare tutte le superfici con cui viene in contatto. Garantisce risultati non ottenibili con l’impiego di additivi e detergenti chimici.
È inoltre una soluzione:

Naturale: è una molecola presente in natura, non contiene quindi elementi chimici.

Ecocompatibile: non lascia residui tossici o sostanze chimiche da smaltire. Non impattando sull’ecosistema è una tecnologia ecologica.

Riconosciuta: come riportato sul sito ufficiale, il Ministero della Sanità, nel protocollo n. 24482 del 31 luglio 1996, ha riconosciuto l’utilizzo dell’ozono nel trattamento dell’aria e dell’acqua, come “presidio naturale per la sterilizzazione di ambienti contaminati da batteri, virus, spore, muffe ed acari”.

Sicura: pur essendo un gas, trattato nei giusti modi non è esplosivo, abrasivo o infiammabile. Non danneggia l’ambiente ed è sicuro sia per gli operatori che effettuano la sanificazione che per tutte le altre persone. Inoltre, pur essendo ossidativo, data la sua rapida efficacia disinfettante non danneggia i materiali, gli oggetti e le superfici trattate.

L’azione dell’ozono garantisce:

• La depurazione dell’aria
• L’eliminazione degli odori (per esempio: di muffa, di fumo o di cibo)
• La neutralizzazione fino al 99,98% di virus e batteri
• L’allontanamento di insetti infestanti (per esempio: pulci, zecche e tarme).

La sanificazione con l’uso di questa tecnologia è semplice e veloce: in pochi passaggi i nostri operatori riescono ad attivare il processo messo in atto dal generatore di ozono che, in base alla metratura del locale, impiega circa 40 minuti / 1 ora per giungere al termine.

I campi di applicazione di questa tecnologia

Grazie ai benefici apportati dalla sanificazione con ozono e dalle sue caratteristiche, possono essere disinfettati innumerevoli spazi interni come:

Strutture alberghiere
• Abitazioni
Bed & breakfast
Che traggono benefici soprattutto dalla pulizia profonda di: divani, tende, materassi moquettes.

Ma anche:

• Ristoranti e pizzerie
• Pasticcerie
• Bar
• Mense

I quali grazie a questa attività riescono a limitare gli odori del cibo provenienti dalle cucine.

Ma soprattutto è importante per luoghi come:

Aziende
• Strutture ospedaliere
• Negozi alimentari
• Centri estetici e centri benessere
• Parrucchieri
• Strutture scolastiche
• Palestre e centri sportivi
• Lavanderie e tintorie

In generale, la sanificazione viene consigliata in tutti i luoghi pubblici o privati in cui la proliferazione e la diffusione di virus e batteri è molto alta.

Infine, con questa tecnologia è possibile sanificare anche gli interni di:

• Pullman
• Autobus
• Autovetture
• Treni
• Ambulanze
• Camper
• Food Truck
• Camion
• Imbarcazioni.

Dopo aver capito come funziona la sanificazione con Ozono, quali sono i suoi molteplici benefici e i suoi diversi campi di applicazione, puoi approfondire la tua conoscenza sulle metodologie che ti proponiamo per la sanificazione leggendo gli articoli sulla sanificazione con biossido di titanio e quello in cui ti spieghiamo la sanificazione ambientale con il perossido di idrogeno. Sarai così in grado di confrontare queste tecnologie e scegliere quella più adatta alle tue esigenze.

Se non abbiamo risposto a tutte le tue domande e hai ancora dei dubbi, o hai bisogno di maggiori informazioni, non esitare a contattarci!

Mettiamoci in contatto

* Questi campi sono obbligatori

Dichiaro di aver letto l'informativa privacy e acconsento al trattamento dei miei dati (non ti bombarderemo di messaggi, promesso!)


101